Marcus Greco

Mi chiamo Marcus Greco, sono nato in Svizzera nel 1974. All’età di 9 anni mi trasferisco con la mia famiglia in Puglia, dove attualmente vivo.  La passione per la fotografia è sempre stata, in un certo modo, presente, ma 6 anni fa ho iniziato ad interessarmene in maniera più approfondita e da autodidatta.

I miei scatti sono tutti in digitale.

La fotografia è il mezzo con cui riesco davvero ad esprimere me stesso, senza riserve; permette di auto analizzarmi e dare un valore aggiunto alla mia vita.

La mia emotività mi porta ad essere una persona che segue il proprio istinto al di là di ogni schema ben preciso; infatti il mio motto è quello di  non considerarmi né un fotografo né un artista, ma semplicemente me stesso. La macchina fotografica per me è lo strumento per esprimere le emozioni e le sensazioni per un mondo che prima ignoravo. Un mondo a cui prima non destavo attenzione ai dettagli, e che ora attraverso un nuovo sguardo, riesco a cogliere in tutte le sfumature che lo circondano.

Nel 2014 partecipo a Lecce alla mostra collettiva “Comd’Arte 2014, dal tema: “L’ego, l’io e l’incontro con l’altro” con una mia fotografia.

Dal 2014 fino ad oggi, alcune mie fotografie sono apparse sul magazine online di cultura visiva: “Frizzifrizzi”.

Nel 2014 apro un profilo su “Vogue.it”, e da allora sino ad oggi, spesso vi pubblicano alcune mie fotografie.

Da gennaio 2016 ad oggi, alcune mie fotografie sono state pubblicate sulla rivista cartacea “Il Fotografo”.

Nel 2016 sono presente con una mia fotografia dal titolo “Faded vision”, su “The Bestselected Book”  Vol. I, un libro fotografico che raccoglie 101 fotografi da ogni parte del mondo.

Inoltre mi viene data la possibilità di pubblicare un mio portfolio sul sito LensCulture.

Nel 2017 sul magazine online “Organiconcrete” sono presente con un’intervista dal tema: “Le mani per comunicare con la fotografia”, dove racconto l’importanza che hanno per me le mani nella fotografia.

Nell’Agosto 2018 una mia fotografia é stata selezionata nel “meglio di agosto” sul sito “National Geographic”

Nell’agosto 2019 su “Click Magazine” (rivista online), vengo pubblicato assieme ad altri sei artisti. Io presento un mio progetto dal nome “Red Passion”.

Sempre nel 2019 riappaio nel secondo volume di “The Bestselected Book”, con la fotografia dal titolo “Zone di Luce”, insieme ad altri 76 fotografi provenienti da tutto il mondo.